Rolex Daytona – Il modello di Rolex più famoso

Vai ai contenuti

Menu principale:

ll mio Rolex Daytona acciaio

Il primo Rolex della collezione Daytona è il Rolex Cronograph ref. 6238.
E’ il primo cronografo della maison Rolex.
Nasce negli anni ’60 con cassa Oyster a vite e  presenta una scala tachimetrica nel quadrante.
E’ un Rolex Daytona disponibile anche in oro 14kt o 18kt. Il vetro è bombato in plexiglass.
Nei primi esemplari il quadrante presenta un gioco a sfere analogo ai modelli di ref.6034 e ref. 6243.
Successivamente Rolex rinnova i quadranti, con uno stile decisamente più moderno, nelle colorazioni argento, bianco e nero.
Negli ultimi quadranti gli indici sono applicati ed è presente il nuovo gioco sfere denominato “a bastone”.
Il movimento utilizzato è un Valjoux 72, affidabile e qualitativamente rinomato; Rolex “aggiusta” il calibro e lascia invariata la produzione della ref. 6238 fino al 1967.

Nel 1963 nasce un nuovo modello Rolex Daytona che proterà la ref. 6239.
E’ presente una lunetta tachimetrica incisa nell’acciaio.
La lettura della ghiera è decisamente più leggibile e il Rolex Daytona ref. 6239 riscuote un scuccesso immediato.
I quadranti sono innovativi e rivoluzionari: nero con contatori bianchi e bianco con contatori neri.
Anche il Daytona ref. 6239 viene realizzato in oro 14kt e 18kt con rispettivi quadranti champagne chrono neri e nero chrono champagne.
La pulsanteria ”a pompa” è l’elemento che contraddistingue il Rolex Daytona Paul Newman dalle altre versioni di Rolex Daytona acciaio.
Nei primi esemplari, la ghiera tachimetrica portava una scala fino a 300 unita; nei modelli successivi Rolex limitò la scala a 200 unità.
Il vetro dei Daytona Paul Newman, conosciuto come Tropic 21, è rimasto sempre bombato in plexiglass.
Nel 1965 un notevole cambiamento nel quadrante: la scritta rossa Daytona che diventerà famosa in tutto il mondo.

Il nome Daytona deriva dalle gare di auto che si disputavano negli Stati Uniti, precisamente in Florida.
Il posizionamento della scritta Daytona in rosso variò negli anni: da ore 12 ad ore 6 soprta il contatore che segna le ore.
Se dovessimo essere “pignoli”, il Rolex Daytona iniziò ad essere chiamato Paul Newman solo ed esclusivamente dal modello ref. 6239 in poi.
Rolex realizzò a distanza di pochi anni, il Daytona ref. 6241 molto simile al Daytona Paul Newman ref. 6239, ma con una ghiera di diametro maggiore realizzata in modo diverso: anzichè essere incisa nel metallo è in acrilico nero con i numeri bianchi.
Il movimento è il calibro 722 – 722/1 e le differenze con il Valjoux 72 sono nella modifica interna per azionare il cronografo negli orologi.

Nello stesso periodo sembra quasi che Rolex abbia dimenticato qualcosa ed esce il Daytona ref. 6240 con la stessa ghiera del 6241 ma con i pulsanti a vite.
Finalmente grazie alla nuova pulsanteria l’orologio è impermeabile.
Nel quadrante appare per la prima volta la scritta “Oyster”.
I pulsanti a vite riscuotono un grandissimo successo grazie all’innovativa “filettatura”, definita dai collezionisti “mille righe”, che ne pemette il serraggio.
Il Valjoux 72 da’ troppi problemi così Rolex decide di cambiare: inserisce il



nuovo cal. 727 (derivato dal 722-1) sia per il Daytona ref. 6239 che per il ref. 6241.

Con il nuovo movimento, il Rolex Daytona Paul Newman ref. 6239, diventa ref. 6262 mentre il ref. 6241 diventa ref. 6264.
Design e aspetto assolutamente identici.
Rolex decide che tutti i futuri cronografi monteranno pulsanti a vite, data l’esperienza negativa avuta con i Daytona precedenti.
La pulsanteria a vite dei Paul Newman garantisce un’impermeabilità fino a 50 metri.


Successivamente abbiamo il Rolex Daytona ref. 6263, con lunetta in plastica nera e scala tachimetrica bianca (come nel ref. 6241 – ref. 6264) e la ref. 6265 con la lunetta in acciaio incisa.
In queste due referenze cambiano i quadranti neri e argenté con la scritta rossa Daytona sopra il contatore delle ore (quello a ore 6).
Esiste anche un breve periodo di produzione senza la scritta Daytona in rosso, ma Rolex abbandona subito l’idea e torna a inserirla nuovamente.
I modelli Rolex Daytona in oro 18t e 14kt rimangono sempre disponibili.
Nel Rolex Daytona Paul Newman in oro appare la scritta “Superlative Chronometer Officially Certified” a ore 12.

Trattasi di una certificazione del cronometro.
Il movimento è sempre il 727 tanto è vero che la scritta appare anche in alcuni modelli in acciaio.
Nel corso del tempo sono nati anche i primi orologi replica, cosi' la casa madre ha apportato dei lievi e costanti aggiornamenti per marcare la sua costante ricerca della perfezione:
nuovi pulsanti a vite e un’impermeabilità portata fino a 100 metri rispetto ai 50 metri iniziali.
Nella seconda metà degli anni ’70 Rolex presenta un Daytona ref. 6263 e un Daytona ref. 6265 a dir poco “vistosi” per quelle che saranno el rispettive ref. 6269 e ref. 6270: ghiere con diamanti incastonati a taglio brillante per la prima e a taglio baguette per la seconda.

I prezzi non sono alla portata “comune”, sono dei veri e propri “orologi gioielli” destinati ad una clientela mediorentale.
C’e’ da sottolineare che, nel loro periodo di produzione, i Rolex Daytona Paul Newman non hanno registrato degli enormi successi commerciali.
La clientela era rivolta verso un design più elegante piuttosto che sportivo.
Probabilmente qualche lettore ricorderà che negli anni ’70 – ’80 acquistare un Rolex Daytona non era assolutamente difficile, anzi.
Al giorno d’oggi un Rolex Daytona Paul Newman ha un valore enorme per qualsiasi collezionista di orologi da polso, e le imitazioni di orologi sono sempre dietro l'angolo.
Finalmente è la volta del Rolex Daytona ref. 16520: il primo cronografo Rolex a carica automatica.
Per la prima volta la Rolex elimina la variante delle due lunette e realizza nuovamente una ghiera in acciaio con numeri della scala tachimetrica incisi.

La nuova ghiera è ridisegnata e si adatta meglio al design dell’orologio.
Il diametro è di 40mm.
Un’innovazione ulteriore viene apportata nelle “spallette” che proteggono la corona di carica.
Obbligatoriamente pulsanteria a vite per renderlo impermeabile fino a 100 metri.
Stop ai quadranti argenté! D’ora in poi il Rolex Daytona acciaio avrà quadarnte bianco o nero.
I contatori del cronografo non saranno più in contrasto, ma avranno un sottile anello che fa’ da perimetro in una tonalità diversa.

La mitica scritta rossa Daytona resta invariata dato che è già diventata simbolo dell’ orologio Rolex.
Nel Rolex Daytona in oro ref. 16528 (oro 18kt) e ref. 16523 (acciaio/oro) i

quadranti hanno delle variazioni cromatriche basate sempre sul moderno acciaio.
Il vetro è zaffiro anti riflesso e antigraffio.
Come per tutti i Daytona, Rolex sceglie il miglior movimento in commercio dell’epoca orientandosi sullo Zenith 400.

Per poterlo adattare sono necessarie numerosi interventi come l’eliminazione del datario.

Vengono effettuate più di 190 modifiche e il movimento prende il nome di Rolex 4030.
Con il passare degli anni Rolex aggiorna sensibilmente ghiere, bracciali e quadranti.
Nel 1992 propone per il Daytona in oro 18kt ref. 16518 un cinturino in pelle.
Nel 1997 nasce il Rolex Daytona oro bianco ref. 16519.
Grazie ad una politica commerciale ben gestita, il Rolex Daytona acciaio è diventato uno degli orologi più ambiti dai collezionisti di tutto il mondo.

PREZZO DI LISTINO DEL ROLEX DAYTONA REF. 16520

Il Rolex Daytona acciaio è l’orologio più ricercato dagli appassionati di orologi da polso.
Nei forum, le domande più frequenti che si trovano sono:
C’e’ un modo per avere un Rolex Daytona a prezzo di listino?
Sapete indicarmi dove posso trovare un Daytona acciaio al prezzo del listino ufficiale Rolex?
Quanto costa un Rolex Daytona in acciaio rf. 16520 ?
Quali sono i tempi d’attesa per avere un Daytona 16520 ?
Nel 2006 il prezzo del Daytona in acciaio era di 5.944 euro.
Due anni dopo, nel 2008, il Rolex Daytona acciaio porta il prezzo listino di 7.265 euro.
Vi lasciamo immaginare quale tipo di “caccia aperta” possa esistere da parte di chi è interessato sia al guadagno che all’orologio.
C’e’ un guadango del 20% in soli 24 mesi per la sola variazione del prezzo di listino ufficiale Rolex.

Attenzione il 20% ipotizzando di “regalare”  il Daytona a prezzo di listino Rolex perchè questo orologio si può acquistare nei concessionari soltanto pagandolo il 20-25% in più rispetto al prezzo ufficiale.
Il totale del guadagno è del 45%: non esiste investimento migliore e più sicuro.
Il problema è nel trovare il concessionario che sia disposto a vendere un Rolex Daytona al prezzo di listino: scordatevelo!
Se fosse così semplice ci sarebbe gente che potrebbe smettere di lavorare.

Quello che è certo è che la cosa suscita polemica “infinita” e non fa onore nè

alla casa nè ai concessionari che decidono il prezzo del Daytona acciaio in base a come si svegliano la mattina.
C’è chi, a questo punto, “ripiega” sul modello Daytona in acciaio oro, o direttamente su quello in oro.
Le soluzioni sono due: pagarlo il 25 – 30% in più del listino Rolex oppure fare come molti collezionisti che a malincuore si sono messi in lista d’attesa (dal concessionario Rolex ufficiale) per avere un Rolex Daytona acciaio a prezzo di listino.
Una lista d’attesa che dura almeno 7 anni.
Potrete andare dal concessionario Rolex tutti i giorni, urlare e battere la testa contro il muro, ma non ci sarà niente da fare.
La Rolex stessa conferma la lista d’attesa qundi si può solo attendere.

Alcune gioiellerie per “salvare la faccia” vendono i Rolex Daytona acciaio

sempre come usati, anche quando sono nuovi, in questo modo non sono vincolati dal prezzo di listino.
La campagna pubblicitaria sviluppata da Rolex è stata semplicissima: hanno fatto indossare il Rolex Daytona acciaio a tutti i personaggi famosi (mediaset, rai, calcio, fiction, film, modelle ecc.) e il piatto fu servito con estrema facilità.
Basta pensare al successo ottenuto dal Rolex Daytona Paul Newman che prese il nome dall’attore stesso che lo indossò in un film.
Oggi il Rolex Daytona acciaio lo indossano i cantanti, gli attori, le modelle, i calciatori e chi più ne ha più ne metta. Non esiste pubblicità migliore di questa.

“Se ce l’hanno loro..lo devo avere anch’io..” è questo che spinge la massa alla

ricerca frenetica di un Rolex Daytona in acciaio.
C’è chi arriva a comprarlo risparmiando per una vita intera e poi indossandolo in una località turistica viene derubato.
Il Rolex Daytona è così prezioso che nelle località turistiche arrivano ogni anno gruppi di rapinatori disposti a tutto pur di rubarti il tuo Rolex.
Sono intenditori, capiscono quale Rolex vale la pena di “puntare” e quale no.
Negli ultimi anni c’è stato un boom di rapinatori Rolex che ne studiano di tutti i colori: urtano lo specchietto in modo che, per rimatterlo a posto, sei costretto a far uscire il braccio sinistro (dove indossi l’orologio) oppure ti rapinano in pieno centro. Alcuni collezionisti indossano adirittura orologi replica per muoversi in città!

Servono le guardie del corpo anzi dell’orologio!
A Napoli, vista l’emergenza, gli albergatori hanno pensato di distribuire degli orologi di plastica, delle vere Repliche di orologi Rolex da indossare al posto degli originali!!
Vi rendete conto??
Fate attenzione al vostro orologio Rolex!
Spero che questa pagina possa esser stata utile per chi ha intenzione di acquistare un Rolex Daytona  e tengo a precisare che non intendo violare alcuna norma pubblicando delle semplici foto dimostrative degli orologi Rolex.
Questo sito è realizzato da un collezionista di Rolex originali e non ha nessun scopo di lucro.
I prezzi del Rolex Daytona acciaio presenti nel sito sono indicativi e non sono basati su listino Rolex ufficiale, fanno solo parte di una raccolta di informazioni ricavate dai vari collezionisti.
Per conoscere il prezzo del Rolex Daytona acciaio attuale Vi consigliamo di rivolgerVi al concessionario Rolex della vostra zona.

Questa è una pagina informativa che mi son sentito in dovere di omaggiare alla casa Rolex che ha sempre realizzato i migliori orologi di marca presenti nel mercato.


Torna ai contenuti | Torna al menu